Senza un cambiamento di politica, l’Occidente perderà su due fronti

Due importanti incontri hanno contraddistinto la terza settimana di gennaio: l’incontro annuale del World Economic Forum (WEF) a Davos dal 16 al 20 gennaio e la riunione della “Lega per l’Ucraina”, come il Segretario alla Difesa statunitense Lloyd Austin ha ribattezzato la conferenza di Ramstein del gruppo di contatto sull’Ucraina, svoltasi il 20 gennaio. In termini di risultati, entrambi sono […]

Continua a leggere

Germania: Scholz capitola ai guerrafondai

Alla riunione del Gruppo di contatto sull’Ucraina, tenutasi il 20 gennaio a Ramstein, in Germania, il nuovo Ministro della Difesa tedesco, Boris Pistorius, ha risposto con un “no” alla richiesta di inviare carri armati Leopard 2 all’Ucraina, scatenando una raffica di attacchi, sia rivolti a lui che al Cancelliere Scholz, per aver “lasciato che l’Ucraina perda la guerra”. Ma quattro […]

Continua a leggere

Ulteriori prove del fallimento delle sanzioni UE

Il 20 gennaio, la Commissione europea ha twittato con orgoglio: “Abbiamo imposto nove cicli di pesanti sanzioni contro la Russia, paralizzandone la capacità di finanziare la guerra”. Solo tre giorni prima, al World Economic Forum, Ursula von der Leyen aveva pronunciato la stessa frase, sostenendo che le sanzioni dell’UE “lasciano l’economia russa di fronte ad un decennio di recessione e […]

Continua a leggere

Sentita a Davos: la guerra è necessaria per salvare il sistema finanziario

Il legame tra la strategia di guerra permanente della NATO e le politiche di austerità, mentre l’”ordine unipolare” sta affrontando la crisi più profonda, è stato reso esplicito al World Economic Forum (WEF) di Davos della scorsa settimana. A dirlo apertamente è stata il vicepremier e ministro delle Finanze canadese, Chrystia Freeland, che fa anche parte del Board of Trustees […]

Continua a leggere

Il regime di Kiev è più debole che mai, mentre le perdite raggiungono livelli sbalorditivi

Dopo la tragica morte di oltre 40 residenti di un condominio di Dnipro, avvenuta il 14 gennaio, i media occidentali mainstream hanno immediatamente ingranato la marcia, attribuendo la colpa dell’”atrocità” alla Russia. Dall’Ucraina a Washington, si sono sentiti appelli emotivi per la consegna di armi sempre più sofisticate al regime di Kiev per fermare gli attacchi sconsiderati contro civili innocenti. […]

Continua a leggere

L’industria tedesca punta all’Asia e all’Africa

Il gigante industriale tedesco Siemens ha appena firmato un contratto da 3 miliardi di euro per la costruzione di ben 1200 locomotive elettriche per le ferrovie indiane. Si tratta del più grande contratto per locomotive mai stipulato dall’azienda. Allo stesso tempo, è stato annunciato che DMG Mori, un’azienda tedesca di macchine utensili, sta per terminare un impianto all’avanguardia da 400 […]

Continua a leggere

La Cina reagisce alle sanzioni con gli investimenti

Di fronte ad un ambiente internazionale ostile, i leader cinesi hanno deciso di aumentare gli investimenti in grandi infrastrutture e progetti industriali per attivare il capitale privato, creare posti di lavoro e stimolare i consumi. Secondo il Global Times, nel 2022 gli investimenti in capitale fisso sono aumentati del 5,1% e quelli nelle infrastrutture del 9,4%. Uno dei principali progetti […]

Continua a leggere

Il capo delle comunità musulmane mondiali smonta la propaganda occidentale sullo Xinjiang

Dall’8 al 13 gennaio Ali Rashid Al Nuaimi, presidente del Consiglio delle Comunità Musulmane Mondiali, con sede negli Emirati Arabi Uniti, ha guidato una delegazione di oltre trenta personalità e studiosi islamici per verificare la situazione dei musulmani e degli uiguri nella regione cinese dello Xinjiang. L’ultimo giorno della visita, Al Nuaimi ha rilasciato un’intervista al quotidiano cinese Global Times. […]

Continua a leggere
1 2 3 55