È ora che “l’Occidente” si scrolli di dosso la strategia perdente

Nel mondo sembrano delinearsi due universi distinti, ma paralleli: uno rappresentato dal cosiddetto mondo transatlantico e dal suo complesso militare-finanziario, l’altro dal “mondo non occidentale” o Maggioranza Globale. Il primo è quello del cosiddetto “ordine basato sulle regole”, di un impero morente sempre più screditato dal sistema finanziario irrimediabilmente fallito, mentre il secondo è quello rappresentato dai BRICS e dalla […]

Continua a leggere

Ex primo ministro israeliano: La strategia di Netanyahu porta all’Armageddon

“I partner della coalizione messianica di Netanyahu vogliono una guerra regionale totale. Gaza è solo un primo passo”. Questa è la valutazione di Ehud Olmert, primo ministro di Israele dal 2006 al 2009, pubblicata su Haaretz il 22 febbraio. “L’obiettivo supremo del duo di estrema destra, il ministro della Sicurezza nazionale Itamar Ben-Gvir e il ministro delle Finanze Bezalel Smotrich, […]

Continua a leggere

La Corte Internazionale di Giustizia conclude le udienze sulla Palestina

Il 26 febbraio è scaduto il termine di un mese concesso ad Israele dalla Corte internazionale di giustizia per presentare un rapporto sulle misure adottate per impedire atti di genocidio a Gaza e per garantire la consegna di aiuti umanitari alla popolazione palestinese. Secondo la stampa israeliana, un rapporto è stato effettivamente redatto, ma non sarà reso disponibile al pubblico […]

Continua a leggere

L’UE accelera la spinta verso l’economia di guerra

Nella settimana trascorsa dalla Conferenza sulla Sicurezza di Monaco (MSC) alla riunione Ecofin dei ministri delle Finanze dell’UE, una vera e propria strategia di riarmo ha iniziato a prendere forma in Europa. Ha iniziato il ministro della Difesa tedesco Boris Pistorius, che ha annunciato a Monaco un obiettivo del 3,5% del PIL per il bilancio della difesa tedesco, da raggiungere […]

Continua a leggere

La propaganda sull’Ucraina ha le gambe corte

Il divario tra la realtà e la narrazione sulla guerra in Ucraina è sempre più ampio in Occidente, come si è visto nel secondo anniversario del conflitto. Giorgia Meloni ha voluto inaugurare la presidenza italiana del G7 tenendo la riunione del gruppo a Kiev, con discutibile successo. Mentre lei si è recata lì con il capo della Commissione UE Ursula […]

Continua a leggere

L’ECOWAS revoca le sanzioni imposte al Niger

In una sessione d’emergenza tenutasi lo scorso fine settimana, la Comunità economica degli Stati dell’Africa occidentale (CEDEAO) ha revocato le sanzioni imposte al Niger lo scorso luglio, dopo che i leader militari del Paese avevano rimosso il presidente Mohamed Bazoum. Nel corso della stessa riunione, è stato deciso di revocare le sanzioni economiche e finanziarie nei confronti della Guinea e […]

Continua a leggere

Afghanistan: Lo Schiller Institute consegna una petizione alla sede dell’UNESCO

Una delegazione dello Schiller Institute e del Centro Avicenna per la ricerca e lo sviluppo ha consegnato il 22 febbraio una petizione alla sede mondiale dell’UNESCO a Parigi, chiedendo all’ente delle Nazioni Unite di ristabilire le relazioni con l’Afghanistan per contribuire a salvare i numerosi beni culturali del Paese. La petizione chiede inoltre di ristabilire la cooperazione culturale con tutte […]

Continua a leggere

Agricoltori polacchi, cechi e slovacchi uniti contro il Green Deal

Gli agricoltori dei Paesi dell’Europa orientale, oltre ad opporsi all’accordo preferenziale UE-Ucraina, denunciano anche il “Green Deal” della Commissione UE. La protesta è partita dagli agricoltori polacchi, ai quali si sono poi aggiunti i colleghi della Repubblica Ceca e della Slovacchia. La pressione ha avuto un tale successo che lo stesso commissario europeo per l’Agricoltura, Jozef Wojciechowski (polacco), ha inviato […]

Continua a leggere

La Conferenza sulla Sicurezza di Monaco finge di ignorare la sconfitta decisiva dell’Ucraina

Il 16 febbraio si è probabilmente verificato l’atteso punto di svolta nella guerra in Ucraina, con la sconfitta dell’esercito di Kiev nella città strategicamente chiave di Avdeyevka. Di fatto, nessun ostacolo significativo si frappone al raggiungimento dei confini amministrativi della regione del Donbass da parte delle forze armate russe. Pertanto, la fine della guerra potrebbe essere vicina, date le conseguenze […]

Continua a leggere
1 2 3 94